T-Days, Merola apre ai taxi per disabili

E sul People Mover: “Opera strategica, si fa anche se la città non lo usa”

da Repubblica del 7 giugno 2012

 

T-Days, Merola apre  ai taxi per disabili Libera circolazione per le strade del centro ai taxi attrezzati per il trasporto dei disabili durante i T-Days. Una soluzione che il sindaco Virginio Merola è disponibile a prendere in considerazione per migliorare l’accessibilità alla zona pedonale e abbassare i toni delle polemiche: “È necessario fare qualcosa di più? Discutiamone. Quello che io non credo sia necessario è fare uno sciopero della fame per porre questo problema”. I T-Days non si toccano, ma non sono esclusi aggiustamenti: “È normale che i primi provvedimenti abbiano delle critiche”, dice Merola. L’importante è evitare “un clima di contrapposizione esasperato su un fatto che è sentito da tutta la città”. “Chi riesce ad andare ai T-Days non può non notare come sia gradevole e quasi liberatorio per le orecchie e per i polmoni. Non vogliamo chiudere, ma aprire ad una modalità diversa”.

A Bologna ci sono trenta taxi dedicati ai disabili, il cui transito nella “T” non comprometterebbe la riqualificazione del centro storico: un progetto per il quale da settembre saranno stanziati 5,7 milioni di euro. Discorso diverso per i novemila pass handicap, per i quali il sindaco esclude la libertà di accesso: “Per i disabili ci sono 14 posti sosta in piazza Roosevelt che in questi giorni di chiusura non sono mai stati pieni”. Inoltre, “per andare in via Indipendenza, Ugo Bassi e Rizzoli ci sono 25 strade laterali dove gli handicap possono accedere, con distanze in metri davvero minime” e “possono entrare liberamente carrozzine e scooter elettrici”.

Alla pedonalizzazione si affiancano le questioni legate al trasporto pubblico. Sulla vertenza Civis, “Irisbus ci ha risposto dicendo che è disponibile a discutere un mezzo sostitutivo alternativo”, afferma Merola. “Stiamo discutendo come arrivare a un accordo che dia alla città una sessantina di filobus veri, elettrici e sicuri”. Il sindaco è ottimista anche sul People mover, la monorotaia aeroporto-stazione che, assicura, “non è un lusso che non possiamo permetterci”. “Sono previsti 27 milioni della regione su un’opera che costa oltre 100 milioni” e “si pagherà col biglietto e col numero di passeggeri che avrà”. “Anche se non ci andasse nessun bolognese, e lo dico per assurdo perché non è così – aggiunge il sindaco – bisogna sapere che quest’opera è strategica per il futuro della città”.

di GIULIA FOSCHI

Annunci

, , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: