A PROPOSITO DI DIRITTI NEGATI: LUCA UGUCCIONI COLPISCE ANCORA

Il Comitato No People Mover esprime piena solidarietà al Nuovo Comitato Art. 33 che si è visto respingere oggi dal Segretario Generale del Comune di Bologna Luca Uguccioni per un vizio formale la proposta di indizione di un referendum consultivo sul finanziamento pubblico alle scuole private. Sono molte le analogie che legano la vicenda di oggi con quella della bocciatura nel dicembre scorso della richiesta avanzata da più di 3.700 cittadini di aprire un’istruttoria pubblica sulla vicenda del People Mover. Anche in quell’occasione fu decisivo l’illuminato parere dello stesso Uguccioni, dopo attenta analisi di Statuto e Regolamento comunali, per appurare che l’istruttoria non poteva avere corso. Infatti il Segretario Generale di Palazzo d’Accursio sostenne la tesi che “[…] il People Mover è un atto pianificatorio ma la richiesta di istruttoria è arrivata non quando si decideva sull’opera, ma quando questa era già incardinata”. In altre parole, avremmo dovuto presentare la richiesta non ora, ma cinque anni fa, quando era Sindaco Sergio Cofferati e nessuno in città conosceva nulla sul progetto!

Oggi si ripropone lo stesso schema, teso ad impedire ai cittadini di potersi esprimere liberamente su temi che li riguardano in prima persona. Esattamente allo scadere del mese a sua disposizione per decidere sulla proposta di referendum del Nuovo Comitato Art. 33, il Comitato dei Garanti per i referendum comunali non si esprime nel merito ma rileva un vizio formale nella presentazione delle firme dei cittadini a sostegno della richiesta. In pratica nei moduli usati per la raccolta delle firme (tranne il primo), manca l’indicazione esplicita del quesito da sottoporre a referendum. Dunque non si può evincere con chiarezza la volontà di chi ha firmato. Da notare che i moduli utilizzati per la raccolta delle firme sono stati vidimati e consegnati dagli stessi uffici comunali!

Chi ha stabilito l’esistenza di questo vizio formale? Il Segretario Generale del Comune Luca Uguccioni.

Quando si accorge Uguccioni del vizio formale? Non subito, come avrebbe dovuto fare esaminando immediatamente la pratica prima di inviarla ai Garanti per le decisioni di merito. Anzi il 30 maggio Uguccioni dichiara ai Garanti che è tutto a posto dal punto di vista formale.

Perché Uguccioni cambia improvvisamente idea? Il 14 giugno il consigliere comunale del PdL Valentina Castaldini, Presidente pro tempore della Commissione consiliare Affari Generali, invia ai Garanti una memoria dove solleva il problema del vizio di forma nella raccolta delle firme. Solo a quel punto, di nuovo interrogato dai Garanti, Uguccioni si accorge che ci sono problemi, ammette che i rilievi della Castaldini sono fondati ed esprime parere negativo sulla conformità delle firme raccolte alle procedure previste.

Ma fino a quando i cittadini bolognesi potranno continuare a tollerare la presenza di Luca Uguccioni sulla sua (peraltro dorata) poltrona? E soprattutto, fino a quando Sindaco e Giunta comunale potranno nascondersi comodamente al riparo dei pareri del Segretario Generale su presunti vizi di forma per impedire ai cittadini di esercitare con pienezza i loro diritti?

 COMITATO NO PEOPLE MOVER

Annunci

, , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: