Allarme Finzi: il People Mover sta per saltare

A seguire trovate un articolo di Valerio Varesi pubblicato oggi da Repubblica Bologna sul bilancio di Tper approvato ieri dall’assemblea dei soci. Nelle ultime righe si parla di People Mover e si riferisce di una nuova presa di posizione di Rita Finzi: se non arriverà al più presto la sentenza del Tar del Lazio sul ricorso presentato da Comune e Marconi Express rispetto al pronunciamento dell’Autorità di vigilanza sugli appalti pubblici, l’infrastruttura non si farà!

“Tper investe 102 milioni nel 2014 tornerà in utile”

L’annuncio della presidente Gualtieri, dopo le polemiche sulla privatizzazione. Tper ha approvato ieri il piano industriale per i prossimi tre anni prevedendo il ritorno in attivo nel 2014 e mettendo in programma 102 milioni di investimenti, di cui 57 di risorse proprie. L’azienda di via Saliceto, la sesta in Italia per dimensioni e una delle prime in efficienza (38,5% di ricavi dai viaggiatori contro una media nazionale del 27%), si propone anche come fulcro di una aggregazione regionale che porti a un’unica compagine pubblica. La presidente Giuseppina Gualtieri, ribadendo la solidità di Tper, ha però messo in guardia i soci: «Occorre lavorare perché ci attendono tempi difficili»

Il ritorno dell’utile nel 2014 e 102 milioni di investimento in tre anni di cui 57 con risorse proprie. Il piano industriale di Tper è stato approvato ieri dai soci (Regione, Comune e Provincia) che a esso affidano il compito di rimettere in equilibrio i conti in rosso per quasi 9 milioni nell’ultimo bilancio. Il mandato per la presidente Giuseppina Gualtieri è anche quello di fare della sesta azienda trasporti italiana con un fatturato di 218 milioni e 2.450 dipendenti per 35 milioni di chilometri percorsi (5 milioni coi treni), di diventare il fulcro delle future aggregazioni che dovrebbero portare a un’unica azienda pubblica regionale. A questo proposito, già l’anno scorso Tper è entrata nel pacchetto azionario di Start (l’aggregazione romagnola) con l’ acquisizione del 13,79% e in quello di Herm, società che controlla Seta (Reggio Emilia, Modena e Piacenza). Inoltre, parteciperà alla gara per la gestione e il 45% della parmigiana Tep. «Tper è una grande azienda sia per le dimensioni che per il ruolo che svolge» ha spiegato Gualtieri sottolineando anche che «è solida e con questo piano può guardare con fiducia al futuro». Per rientrare dal passivo Tper si propone di incrementare i passeggeri (70 mila abbonati in crescita), combattere l’evasione, riassettare i servizi e aumentare l’automazione. Già adesso, l’azienda presenta standard di efficienza superiori alla media ricavando il 38,5% degli introiti dai viaggiatori contro una media del 27%.
Incerta è invece la sorte del People mover (la sopraelevata dalla stazione all’aeroporto) di cui Tper possiede il 25% tramite la “Marconi express” che dovrebbe realizzare l’opera. Ieri Rita Finzi (Ccc), ha dichiarato che o il Tar del Lazio, a cui Marconi si era rivolta appellando un pronunciamento avverso dell’Autorità degli appalti, decide in fretta, «o l’infrastruttura non si farà».

Annunci

, , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: