Secondo il Corriere di Bologna il piano economico-finanziario del People Mover slitta aspettando il Tar

Oggi un articolo di Daniela Corneo sul Corriere di Bologna segnala che il piano economico-finanziario per il People Mover deve attendere ancora per poter ottenere l’approvazione da parte della Giunta Merola, perchè si deve attendere l’esito del giudizio del Tar del Lazio sui ricorsi presentati da Marconi Express, Ccc e Tper contro la delibera dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici.

“Tutto pronto per il People Mover a marzo? Impossibile. Ci vorrà ancora un mese (o due) perché il piano finanziario della navetta venga approvato. A pesare sul via libera al progetto pare sia la sentenza del Tar del Lazio: senza quella banche (e Comune) non azzardano alcuna mossa. E intanto i cantieri restano al palo”.

Secondo la giornalista la partenza dei lavori slitterà ancora di un paio di mesi, se tutto andrà bene.

“A far suonare il campanello d’allarme sono state le parole dell’assessore alla Mobilità Andrea Colombo l’altro giorno durante il question time, che ha detto di non poter rendere pubblici atti e valutazioni inerenti la richiesta di revisione del piano economico finanziario del People Mover, perché il procedimento non è ancora concluso”

Al link che segue è possibile leggere integralmente la risposta data dall’assessore Colombo alla domanda di attualità presentata dal consigliere di Forza Italia Michele Facci:

http://urp.comune.bologna.it/comunica/comstampa.nsf/faa30f1db70ca835412569190058e89b/2594f27fc29393d4c1257c930051b897?OpenDocument

L’articolo di Daniela Corneo prosegue affermando che:

“Ma i ben informati sostengono che non manchi la volontà da parte di Palazzo d’Accursio di chiudere la partita del People Mover. Se mai a creare ancora non pochi intralci è la sentenza (tanto attesa) del Tar del Lazio che deve decidere sull’opposizione dell’Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici. Finché il Tribunale amministrativo non si pronuncerà, le banche che dovrebbero sostenere il progetto con i mutui pare non intendano fare alcuna mossa azzardata”.

Pare anche che Comune e Marconi Express stiano sollecitando l’AVCP affinché si esprima con un nuovo documento sui cambiamenti avvenuti a seguito della revisione dei patti parasociali di Marconi Express: questo accelererebbe i tempi e, Tar o non Tar, darebbe fiducia ai finanziatori. Questa la chiusura dell’articolo:

“Il rischio, dicono i ben informati che seguono il progetto, è che il passare eccessivo di tempo tolga credibilità a tutta l’operazione. Insomma, adesso è davvero arrivato il momento di correre, se non si vuole restare un’altra volta a piedi, proprio adesso che anche il Comune rema dalla stessa parte di Marconi Express”.

Una considerazione a questo punto sorge spontanea: ma perché pochi giorni fa il Presidente di Ccc Piero Collina ha dichiarato, nel corso di un’intervista a Repubblica – Bologna, che i problemi sollevati dalla delibera dell’AVCP erano ormai stati superati, senza dover attendere la sentenza del Tar del Lazio? Forse mente sapendo di mentire?

Annunci

, , , , , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: