People mover di rinvio in rinvio, aspettando il Tar

Articolo di Daniela Corneo pubblicato dal Corriere di Bologna del 2 maggio 2014:

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2014/2-maggio-2014/people-mover-rinvio-rinvio-aspettando-tar-223156411414.shtml

People mover di rinvio in rinvio, aspettando il Tar

Promessi a marzo, poi ad aprile, i lavori potrebbero iniziare a fine 2014

Doveva essere marzo. E invece non solo marzo è passato senza che nulla accadesse, ma è già passato anche aprile. Eppure del via libera al piano economico del People mover, la navetta di Marconi Express che collegherà la stazione con l’aeroporto Marconi, che fra qualche mese sarà quotato in Borsa, ancora non ci sono notizie. O meglio, a questo punto si aspetta la sentenza del Tar che deve pronunciarsi sullo stop arrivato l’autunno scorso dall’Authority sui contratti pubblici.

Nonostante le dichiarazioni d’intenti di Palazzo d’Accursio, che nei mesi scorsi si era detto pronto a dare un’accelerata al progetto nonostante la sentenza del Tar, di fatto sarà la decisione dei giudici a sbloccare la situazione. La data prevista per la sentenza è il 21 maggio.

I ben informati dicono che gli istituti di credito sono fiduciosi, perché nel frattempo sono cadute tutte le argomentazioni che avevano portato l’Autorità di Vigilanza a mettere in guardia il Comune dai troppi rischi che intravedeva per le casse dell’Amministrazione. Ma per quanto fiduciose le banche in ogni caso vogliono vedere la sentenza del Tar nero su bianco. «Sperando che la sentenza sia chiara ed esplicita — dice chi sta lavorando al progetto — altrimenti ci potrebbero essere ulteriori problemi e ritardi».

Se anche la sentenza fosse chiara, comunque, e mettesse un punto fermo alla vicenda, i cantieri non vedrebbero la luce prima della fine del 2014, perché i prossimi mesi servirebbero per avviare le pratiche di finanziamento da parte delle banche e l’iter per l’apertura dei cantieri. Ieri, intanto, il giorno dopo l’annuncio della quotazione in Borsa dello scalo Marconi, i sindacati sono andati subito in pressing su Regione e Comune. Le segreterie regionali e di Bologna di Cgil, Cisl e Uil, insieme alle organizzazioni dei trasporti, hanno chiesto con una lettera all’assessore regionale dei Trasporti Alfredo Peri e al sindaco Virginio Merola «un incontro urgente sulla quotazione in Borsa e la cessione di quote ai privati del Marconi». «In ballo — ha detto Cesare Melloni della segreteria regionale Cgil — c’è il futuro dell’aeroporto, non solo un passaggio di un pacchetto di azioni e questo porta con sé la questione del futuro dell’assetto aeroportuale di tutta l’Emilia-Romagna. Vorremmo capire se questa decisione ha davanti a sé una ricerca concreta di un partner industriale, un piano industriale e un’idea da delineare su Bologna e su tutta la regione».

Annunci

, , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: