People mover, cantieri a giugno. Ok di Unipol Banca, Sab vicina

Articolo di Olivio Romanini pubblicato venerdì 17 aprile 2015 dal Corriere di Bologna.

People mover, cantieri a giugno. Ok di Unipol Banca, Sab vicina

Il cronoprogramma di Marconi Express sul tavolo di Colombo 

Nel 1984 Francia e Gran Bretagna rilanciano l’idea di costruire il tunnel della Manica, due anni dopo ci sono i progetti, dieci anni dopo l’inaugurazione. Può sembrare una battuta ma per il People Mover di Bologna questo tempo non basterà e a dieci anni dal via al progetto (l’assessore era Maurizio Zamboni e la giunta era quella di Cofferati) tutti gli interlocutori che si sentono sul tema rispondono che «siamo in un momento delicato nel quale è bene non fare dichiarazioni pubbliche». Il momento è delicato dall’inizio del mandato Merola su questa opera ma grazie a Dio, in un senso o nell’altro, sta per finire. In questi giorni Marconi Express, la società che dovrà realizzare e gestire poi l’opera destinata a collegare la stazione dell’alta velocità ha mandato il cronoprogramma dei lavori al Comune. Il plico è sul tavolo dell’assessore alla Mobilità, Andrea Colombo. Ma su quel dossier c’è una data: i lavori cominciano a giugno. Mancano però alcuni tasselli importanti. A quanto si è appreso ha deliberato il finanziamento richiesto il comitato crediti di Unipol Banca mentre la prossima settimana si dovrebbe riunire quello di Unicredit. Tra i finanziatori un posto di rilievo è destinato a giocarlo l’aeroporto Marconi al quale la Marconi Express ha chiesto uno sforzo di generosità superiore ai 3 milioni di euro inizialmente stanziati. Anche la Sab dovrebbe deliberare la somma richiesta come contributore dell’opera entro la fine del mese, ma diciamo che serpeggia un certo ottimismo. Alla Marconi Express non sono ancora arrivate notizie dall’ultimo finanziatore dell’opera, cioè da San Paolo Imi, ma il clima generale è quello di fiducia. Diciamo che la dead line del 30 aprile ipotizzata dal sindaco di Bologna Virginio Merola è corretta. Entro quella data il semaforo verde sarà definitivamente acceso salvo clamorosi contraccolpi. La decisione di Marconi Express di lavorare al cronoprogramma rivela dunque la volontà netta di partire, senza ulteriori indugi. Si comincia a lavorare e ci saranno incontri con il Comune anche prima di avere tutte le carte a posto, altrimenti non ci sarebbero i tempi tecnici per partire prima dell’estate. Aprire i cantieri nel giro di un paio di mesi sarebbe un buon colpo per il sindaco Merola che avrebbe qualcosa in più da dire al suo partito nel corso della conferenza programmatica del Partito democratico. Ci sarà poi tutto un lavoro da fare con Rfi perché alcuni dei terreni sul percorso che dalla stazione porterà all’aeroporto passando per il Lazzaretto sono di proprietà dell’azienda. A sbloccare il People mover è stato il finanziamento di 20 milioni erogato dalla Regione dopo che di fatto erano stati persi i finanziamenti europei. Intanto ieri nel processo per il bando dell’opera, il Tribunale, respingendo le eccezioni presentate da tutti i difensori, ha ammesso, attraverso l’avvocato Domenico Morace, la costituzione di parte civile del comitato No People Mover che da molti anni si batte contro l’opera.

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: