People Mover al ralenti i cantieri in aeroporto inciampano nelle fogne

Articolo di Enrico Miele pubblicato mercoledì 6 aprile 2016 da la Repubblica – Bologna.

People Mover al ralenti i cantieri in aeroporto inciampano nelle fogne

I costruttori ostentano tranquillità: “Nessun ritardo, si va avanti”

Il People Mover “inciampa” sulle fognature dell’aeroporto Marconi. Nelle scorse settimane, infatti, i cantieri a ridosso del terminal sono stati stoppati da alcune tubature sotterranee non segnalate nel progetto iniziale. E così, le fondamenta di uno dei primi piloni del tragitto della futura navetta sono state modificate per poter portare avanti i lavori.

Dopo sei mesi dal via, stanno così prendendo forma i cantieri da 91,8 milioni di euro che nel giro di tre anni, salvo imprevisti, porteranno alla realizzazione della monorotaia veloce tra la stazione e l’aeroporto. Ma come si vede gli inciampi non mancano. E tra gli operai gli aneddoti si sprecano. Soprattutto dopo le difficoltà iniziali, raccontano alcuni di loro, per aprire il cantiere a ridosso dello scalo Marconi, dove il groviglio sotterraneo di cavi e impianti all’inizio ha dato non pochi grattacapi agli ingegneri del People Mover. Ma le ditte costruttrici minimizzano, assicurando che il calendario viene rispettato (la consegna è prevista a ottobre 2018). «I lavori sono partiti in tutte le zone che ci sono state finora consegnate. Domani abbiamo un’importante riunione con Rfi per farci dare in anticipo alcune aree della stazione e partire con la cantierizzazione in zona Carracci» spiega l’ingegnere Alessandro Cherubini, direttore dell’opera, che parla anche del caso delle tubature intorno all’aeroporto: «Abbiamo trovato nel sottosuolo una fognatura, non sappiamo se attiva o no, che non ci era stata segnalata dall’aeroporto in fase di progettazione. Nottetempo abbiamo modificato le fondamenta del pilone, riprogettandole, per tenere conto di questa anomalia. Nulla di sconvolgente, i cantieri si sono bloccati solo per qualche giorno». Si tratta di uno dei primi piloni dei 120 che alla fine reggeranno l’opera.

«Per ora siamo nei tempi previsti» assicura il direttore Cherubini. Inaugurati a fine ottobre, i primi due mesi di lavori in realtà sono trascorsi tra carotaggi del sottosuolo, bonifiche e acquisizione delle aree dove sarà costruita l’opera. Le ruspe sono entrate in azione solo a gennaio di quest’anno. «Ci sono mille problemi legati a un cantiere così esteso, ma ora siamo entrati nella fase operativa e stiamo facendo i piloni in calcestruzzo» conferma Walter Thoma di coop Clea, uno dei direttori tecnici dell’appalto. A tifare per una conclusione veloce dei lavori è anche la Sab. Il People Mover, tra ruspe e scavi, finora si è “mangiato” decine di parcheggi per le auto, visto che all’entrata del terminal sorgerà la stazione d’approdo della navetta.

Annunci

, , , , , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: