People mover, tutti assolti

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2016/7-dicembre-2016/people-mover-tutti-assolti–2401114770778.shtml

People mover, tutti assolti

A giudizio per abuso d’ufficio e turbativa d’asta c’erano Francesco Sutti e Piero Collina, ex presidenti di Atc e Ccc, l’ex sindaco Flavio Delbono e l’ex assessore Villiam Rossi

BOLOGNA – Tutti assolti perchè il fatto non sussiste, con la formula della vecchia insufficienza di prove, nel processo sul People mover. Secondo l’accusa la gara per la costruzione e la gestione della monorotaia che collegherà aeroporto e stazione, aggiudicata nel 2009 al Ccc (Consorzio di cooperative di costruzione), sarebbe stata pilotata. E dal Comune sarebbe arrivato un avallo politico all’operazione.

L’ACCUSA – A 5 anni dall’inizio dell’inchiesta, dopo 16 mesi di dibattimento e decine di udienze, poco più di un mese fa i pm Giuseppe Di Giorgio e Antonella Scandellari avevano chiesto cinque condanne e due assoluzioni per i reati, contestati a vario titolo, di abuso d’ufficio e turbativa d’asta. La richiesta più alta, 1 anno e 6 mesi, era stata per Francesco Sutti e Piero Collina, ex presidenti di Atc e Ccc, ritenuti dall’accusa protagonisti del presunto patto occulto secondo cui la società di trasporto pubblico non avrebbe partecipato alla gara per poi formare con Ccc, nel gennaio 2010, la società di progetto Marconi Express. L’accusa aveva chiesto invece 16 mesi per l’ex sindaco Flavio Delbono e l’ex assessore al Bilancio del Comune William Rossi, e un anno per la dirigente Francesca Bruni, il cosiddetto livello politico dell’inchiesta. Richiesta di assoluzione era stata invece avanzata per insufficienza di prove per altri due dirigenti, Cleto Carlini e Patrizia Bartolini.

LA SENTENZA – Tutti assolti, come detto, dal collegio del tribunale presieduto dal giudice Luisa Raimondi. Alla lettura della sentenza, dalla sala è partito un applauso. Presenti anche delle colleghe delle dirigenti comunali, che si sono salutate con abbracci commossi. Commentano gli avvocati della difesa: «Questo processo non doveva neanche iniziare».

IL PROCURATORE: «IL PROCESSO ANDAVA FATTO» – «La formula con cui si è concluso giustifica ampiamente che il processo doveva essere fatto». È il commento del procuratore di Bologna, Giuseppe Amato. Il procuratore ha detto anche di aver condiviso l’impostazione dell’accusa, «del resto c’è stato non solo il vaglio del giudice dell’udienza preliminare, ma un dibattimento importante dove ci sono state anche situazioni fattuali che hanno indiscutibilmente portato elementi forti, che evidentemente il giudice non ha ritenuto satisfattivi, ma forti, a supporto dell’impostazione accusatoria». Inoltre, il fatto che nella vicenda fosse coinvolta Atc, «nel senso che poteva esserne derivato un pregiudizio per gli interessi pubblici» è, secondo il procuratore, «la migliore prova della necessaria attenzione che si dovesse avere su questa vicenda». Ci sarà appello? «Tutte le sentenze – ha risposto Amato – vanno lette, e poi ci si determina se impugnarle o meno. Qui il tema che ci si dovrà porre, visto che ragioniamo in termini di processo penale, è quello della tempistica. I tempi di prescrizione del reato sono prossimi».

Annunci

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: